come diventare agente immobiliare

COME DIVENTARE AGENTE IMMOBILIARE

Se vuoi scoprire come diventare agente immobiliare, sei probabilmente alla ricerca di un nuovo percorso professionale che ti dia ottime soddisfazioni.

Questa professione permette di stare a contatto con le persone ed ottenere un ottimo ritorno economico.

Quindi, come iniziare per diventare un agente immobiliare di successo?

Ecco i consigli utili per intraprendere, con soddisfazione, questa fantastica avventura professionale.

 

COME DIVENTARE AGENTE IMMOBILIARE: COSA DICE LA LEGGE

Già dal 1913 la legislazione si è interessata alla figura del mediatore, per poi passare attraverso vari decreti e arrivare alle attuali modifiche.

Ed è stato istituito il ruolo degli agenti in affari di mediazione.

Questo ruolo, tenuto presso tutte le Camere di Commercio italiane è suddiviso in 4 sezioni differenti:

  • Agenti immobiliari: cioè tutti coloro che operano da mediatori nel settore, in maniera professionale e continua oppure occasionale.
  • Agenti con mandato a titolo oneroso: sono mandatari, cioè in forza di un contratto regolare di mandato. Parliamo sempre del settore immobiliare.
  • Agenti merceologici (mediatori di merci)
  • Agenti in servizi vari (operano nei settori non inclusi nei precedenti tre)

 

LE PRIME COSE DA SAPERE SU COME DIVENTARE AGENTE IMMOBILIARE

Sicuramente ti sarai accorto che l’agente immobiliare è tra le figure più richieste del momento.

Infatti è una professione che presenta molti aspetti positivi e ti può consentire di fare carriera.

Prima di capire insieme quali step devi seguire per diventare un professionista di successo, vediamo di cosa devi interessarti.

In quanto mediatore devi essere un punto di riferimento affidabile per i clienti, capace di mediare tra proprietario venditore e cliente interessato a comprare un immobile.

Ti occupi delle stime immobiliari, delle stipule dei contratti di locazione, di proposte di acquisto e di preliminari compravendita, perciò, oltre a conoscere bene il mercato immobiliare devi avere delle specifiche competenze tecniche.

E’ fondamentale saper determinare nel modo giusto il valore di una casa, di un appartamento oppure di un immobile commerciale.

Tra le capacità di un bravo agente immobiliare:

  • abilità di negoziazione
  • ascoltare attivamente
  • problem solving
  • tecniche di vendita
  • dialettica persuasiva
  • doti di leadership

Sono tutte competenze che si apprendono con la pratica e con un buon piano di formazione per agente immobiliari.

 

CHE REQUISITI SERVONO PER DIVENTARE AGENTE IMMOBILIARE?

Prima di tutto è necessario essere cittadino italiano, europeo, oppure comunque avere la residenza nel nostro paese.

Bisogna godere dei diritti civili e risiedere nella provincia della Camera di Commercio in cui si richiede l’iscrizione.

Obbligatorio possedere il diploma di scuola secondaria superiore di secondo grado, con qualsiasi indirizzo di studi.

A questi requisiti personali se ne aggiungono di morali.

Necessario non essere interdetto, fallito, inabilitato, condannato per delitti contro la Pubblica Amministrazione, l’economia pubblica, il commercio e l’industria.

Non aver ricevuto condanne per delitti come l’omicidio volontario, estorsione, furto, rapina, truffa, ricettazione, appropriazione indebita, oltre a qualsiasi altro tipo di reato per cui la legge dia la pena della reclusione non inferiore a due anni (al minimo) e cinque anni (al massimo).

Non bisogna essere stato sottoposto a normative antimafia, né assoggettato a sanzioni amministrative accessorie (art. 5 della legge 507/1999).

L’accertamento sui precedenti penali si effettua con certificato penale del Casellario Giudiziale. Le Camere di Commercio lo richiedono alle procure competenti.

Con l’autocertificazione, l’aspirante agente immobiliare può iscriversi dichiarando di avere i requisiti morali. Sarà la Camera di Commercio poi ad effettuare i controlli necessari.

COME PUOI OTTENERE IL PATENTINO PER DIVENTARE AGENTE IMMOBILIARE?

Sotto il punto di vista burocratico devi ottenere una licenza che ti abiliti a svolgere l’attività di agente immobiliare, cioè il famoso patentino per agente immobiliare.

E per averla ci sono due strade:

  • frequentare e superare il corso di formazione
  • esibire la documentazione in grado di attestare lo svolgimento della professione per almeno 24 mesi in agenzie immobiliari o similari

Infine presenti la domanda alla Camera di Commercio per essere ammesso all’esame che ti consentirà di ottenere il patentino da mediatore immobiliare.

Superato l’esame, sei abilitato a questo tipo di professione.

 

IN COSA CONSISTE L’ESAME?

Prima di tutto in un esame scritto nel quale dovrai dimostrare conoscenza della legislazione e di tutte quelle attività burocratiche legate al settore immobiliare.

Un punto a tuo favore è avere nozioni di diritto civile e tributario, conoscere i vari tipi di contratto e gli adempimenti fiscali.

I temi dell’esame si concentreranno, in particolare, su iscrizioni, trascrizioni, diritti, ipoteche, finanziamenti, concessioni edilizie ed agevolazioni finanziarie legate al mercato immobiliare.

La prova orale verte sui medesimi temi dell’esame scritto, ma può anche approfondire temi come l’andamento del mercato e le oscillazioni dei prezzi.

Per disporre di un background di studi che ti aiuti in questo percorso esistono corsi di laurea che sono particolarmente indicati. Ovviamente fanno parte dell’area economica.

Può essere una buona idea che tu inizi dal liceo scientifico oppure da un istituto tecnico del settore economico. Ci sono vari indirizzi, come amministrazione, finanza e marketing che può preparare al seguente percorso universitario.

Puoi scegliere il corso di laurea in economia aziendale e management oppure in giurisprudenza (triennali).

E proseguire con il corso di laurea magistrale in scienze economiche.

 

ATTIVITA’ INCOMPATIBILI E COMPATIBILI

Per legge esistono delle attività che non sono compatibili con l’attività di mediazione. Questo significa che se le eserciti non puoi essere, allo stesso tempo, agente immobiliare.

La legge 38/89 contempla che l’iscrizione al ruolo abiliti all’attività di mediatore e, allo stesso tempo, allo svolgimento di attività complementari oppure indispensabili per concludere un certo tipo di affare.

Quindi, se consideriamo questo punto di vista, il mediatore può svolgere un tipo di attività necessaria allo svolgimento della professione. Ovvio che, comunque, deve essere riconducibile al rapporto di mediazione.

Vediamo insieme quali posizioni lavorative sono compatibili, per esempio se sei dipendente in un’impresa che si occupa di attività di mediazione.

E anche se sei iscritto nell’Albo dei Periti e degli Esperti della Camera di Commercio, nell’Albo dei consulenti tecnici del giudice o, ancora, iscritto al Registro delle Imprese.

Tra le altre posizioni compatibili anche la mediazione creditizia o qualsiasi altra attività di mediazione prevista dal ruolo che si riveste.

Oltre all’attività d’impresa che sia collegata all’intermediazione, come la figura dell’amministratore condominiale, il consulente, promotore o perito immobiliare.

IL CARATTERE PUO’ DIVENTARE UN PUNTO DI FORZA

Il ruolo che svolge l’agente immobiliare è importante. Capacità gestionali ed esperienza fanno la differenza nella ricerca del successo.

Si tratta di un tipo di professione aperta a molti, se sei abile a relazionarti con il pubblico sei sicuramente avvantaggiato.

Con il tempo e l’esperienza, sarai in grado di seguire sempre meglio ogni step della compravendita.

Se, oltre all’esperienza e alla formazione, disponi di un’ottima dialettica, sei proprio l’agente immobiliare ideale.

Conoscere delle lingue straniere può allargare ulteriormente la tua platea di potenziali clienti.

Quindi migliorare il tuo inglese scolastico può aprirti molte opportunità.

Nell’agente immobiliare il cliente ripone la propria fiducia, perciò ricorda di ascoltare e annotare ogni richiesta con attenzione.

La tua professionalità, unita alla pazienza e all’intraprendenza, porterà a ottimi risultati. E riuscirai a risolvere indecisioni, problemi e dubbi dei tuoi clienti.

Le prospettive di guadagno poi, in questo tipo di professione, sono piuttosto alte, se paragonate ad altri tipi di carriere imprenditoriali. Così come le potenzialità di crescere, se ti applichi con costanza.

Per esempio, potresti decidere di aprire un’agenzia immobiliare tutta tua e di mettere su un team di collaboratori che ti supportino in tutte le fasi del lavoro.

Oppure potresti decidere di integrare i servizi di mediazioni con delle partnership immobiliari in settori affini, o anche decidere di fare in prima persona degli investimenti immobiliari.

Insomma le opportunità non mancano di certo e, con le giuste competenze, i guadagni saranno sicuramente molto soddisfacenti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *